Venerdì, 07 Febbraio 2020 15:26

Profumo

Vota questo articolo
(1 Vota)
Photo by Mark Daynes on Unsplash Photo by Mark Daynes on Unsplash

Ore dodici e trenta circa, stranamente il carrello non è ancora passato. Probabilmente ci sono stati problemi in cucina. Siamo tutti in attesa quando finalmente odiamo il suono del campanello. Creando una fila ben poco ordinata i commensali cominciano ad attorniare il tavolo dove verranno depositati i contenitori con il cibo e cominciano a chiamare il portavitto.

Appena “l’addetto alla distribuzione pasti” valica l’ingresso della sezione un forte profumo di cavolfiori e un mix di altri odori che non sono in grado di identificare mi pervadono, facendomi sperare in un pranzo appetitoso. Mentre la massa si sposta per essere servita, rimango incastrato tra le persone e questa volta vengo inondato nuovamente da odori particolari, ma che ricordano più un’ascella piuttosto che un bel cosciotto di maiale. Dopo svariati spintoni riesco finalmente a liberare naso e corpo e a portarmi in posizione di vantaggio su tutti gli altri. Pasta e cavolfiori, come avevo preventivato, “mattonelle di spinaci” (alimento a forma di cotoletta rigorosamente surgelato e fritto prima della consegna con ripieno agli spinaci) e insalata.

Non così male. Riempii i piatti per me ed i miei compagni e mi recai nuovamente in cella.

Una volta arrivato una nuova serie di effluvi mi pervasero, questa volta ricordavano delle uova e … pancetta, forse speck ma qualcosa di simile di sicuro. Y non aveva aperto la finestra, l’odore era tanto forte che mi arrabbiai.. Mi disse che le uova stavano scadendo ed erano da consumare, così aveva deciso di fare una piattata mista di uova e affettati, alcuni “scottati” ed alcuni no.
Ci sedemmo a tavola e mangiammo. Al termine del pasto mettemmo sul fuoco il caffè, che da subito cominciò a sprigionare una serie di aromi stupendi.
Era sempre un piacere “accendere il caffè”, avrei voluto farlo al centro della stanza.
Il profumo era ottimo e persistente, con quel retrogusto di cacao e quell’intensità tenace che per un istante sembrava coprire la puzza di galera.
Era fantastico.

E. R.

Letto 128 volte
Emergenza o libertà  - Rivista n° 14 (Marzo 2020)

abbonamento

Salva

Salva

Salva

+ POPOLARI

  • Il Colloquio e la sua percezione visiva in carcere +

    Il Colloquio e la sua percezione visiva in carcere

    Il colloquio in carcere per i detenuti e un giorno,

    Leggi tutto
  • Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe” +

    Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe”

    Diversità, prospettive, ordine, incontro, umanità … e una fiaba rom. Sono

    Leggi tutto
  • Vallette al Centro: un logo per l’inclusione +

    Vallette al Centro: un logo per l’inclusione

    Oggi trasmettere un valore quale l’inclusione sembra essere un’impresa difficile,

    Leggi tutto
  • 1

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più