Venerdì, 31 Gennaio 2020 14:22

Gli odori in carcere

Vota questo articolo
(1 Vota)
Photo by Tom Crew on Unsplash Photo by Tom Crew on Unsplash

Che buon profumo, ci sarà qualcosa di veramente appetitoso oggi a pranzo. Ogni volta è cosi, ci si convince attraverso il profumo che fuoriesce dalla cucina che ci sia qualcosa di veramente sfizioso da mangiare e invece “la solita minestra", ovviamente si fa per dire.

Il punto è che sarà per una questione psicologica o per chissà quale altro motivo, fatto sta che capita spesso, di dover fare un lavoro mentale piuttosto arduo quando si tratta di profumi, o meglio di odori.
Spesso ricollego a essi qualsiasi pensiero bello, come quando sono ai passeggi e magari arriva quell’odore di erba fresca che in un batter d’occhio riesce a riportarmi indietro nel tempo e più specificatamente a casa mia, circondata da quel giardino che io tanto amavo e che giornalmente curavo.
Lo stesso mi succede quando dalla cucina del carcere arrivano attraversando lunghi e angusti corridoi, i profumi delle pietanze che gli addetti ai lavori cucinano per noi detenuti.
Non so bene se gli odori che io sento e il ricordo che ad essi associo corrispondano realmente a ciò che in effetti i cuochi del carcere stanno cucinando anzi, secondo me è solo il frutto del mio pensiero, un lavoro di mente di tutto rispetto e che riesce a portarmi a casa mia anche se per poco tempo e in maniera astratta.

In fondo è solamente un po’ di profumo, mascherato e contraffatto successivamente dal nostro corpo che ben conosce le nostre debolezze, per essere adattato alle nostre esigenze, improcrastinabili e fisiologiche di un ritorno a casa, tra i nostri cari, con pentoloni e forni accesi per festeggiare chissà quale compleanno.
Sì, lo ammetto, ci sono odori che ti rimangono addosso e che riescono a farti rivivere cose passate.
Quando apro gli occhi e vedo il carrello, capisco bene in quel momento che la mia teoria riguardo agli odori non è poi cosi fantascientifica, ma il risultato di un lavoro che parte dal subconscio e che senza volerlo mi fa sentire e arrivare dove il mio cuore desidera di essere.
Il mio può essere definito un viaggio al contrario fatto con poco, forse con un po’ d'immaginazione e ovviamente con l’immancabile piastra accesa con cui i detenuti lavoranti in cucina si danno da fare.

G. D. C.

Letto 116 volte
Emergenza o libertà  - Rivista n° 14 (Marzo 2020)

abbonamento

Salva

Salva

Salva

+ POPOLARI

  • Il Colloquio e la sua percezione visiva in carcere +

    Il Colloquio e la sua percezione visiva in carcere

    Il colloquio in carcere per i detenuti e un giorno,

    Leggi tutto
  • Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe” +

    Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe”

    Diversità, prospettive, ordine, incontro, umanità … e una fiaba rom. Sono

    Leggi tutto
  • Vallette al Centro: un logo per l’inclusione +

    Vallette al Centro: un logo per l’inclusione

    Oggi trasmettere un valore quale l’inclusione sembra essere un’impresa difficile,

    Leggi tutto
  • 1

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più