Venerdì, 10 Gennaio 2020 12:49

Essere felici

Vota questo articolo
(1 Vota)
Photo by Andreas Weiland on Unsplash Photo by Andreas Weiland on Unsplash

Essere felici dietro a delle sbarre e a delle mura di cemento armato si può? La vita all’interno del carcere non è mai facile, ma la risposta a questa domanda può essere complessa o banale, dipende soltanto dal tempo trascorso e dalle motivazioni che spingono un essere umano a porsi questo quesito.

Cos’è la felicita? Non so dare una definizione esatta a questo sentimento, perché é difficile da capire quando esattamente uno è felice in un luogo del genere. Le sensazioni di quel benessere che può riavvicinarci a quel sentimento sono poche, perché il tempo e il senso delle cose perdute è un percorso, un’analisi della coscienza. È come l’evoluzione di una coscienza che cerca in tutti modi di rimediare agli errori che si sono fatti nella vita, anche se a volte è impossibile farlo, ma si spera che il tempo ci dia l’opportunità di correggere quella direzione, per poter dirigersi verso quella giusta, dove una persona può fare almeno un po’ di pace con se stessa, e sentirsi per un secondo sollevati.

Nel mio caso quella sensazione arriva il giorno del colloquio o quando riesco ad aiutare una persona nonostante i limiti che si trovano in carcere.

Essere felici è complicato, perché il tuo tempo e controllato e negato da altri, così come l’affetto, forse quello che manca di più dietro le sbarre. Qui coltivare l’affetto con i propri familiari è difficile, l’unica liberta che ti puoi permettere è quella di progettare il tuo futuro nei migliori dei modi, per quello che il sistema ti permette e ti può dare a livello di istruzione, lavoro e di opportunità sportive e culturali.

Sto bene, ma si potrebbe stare ancora meglio se le istituzioni avessero un reale interesse a cambiare questa realtà drammatica, basterebbe attenersi all’art. 1 co. dell’O.P. “per il detenuto deve essere iniziato un trattamento rieducativo attraverso i contatti con l’ambiente esterno per il reinserimento sociale degli stessi, anche se il trattamento è effettuato secondo un criterio di individualizzazione.”

M. A. P.

Letto 173 volte
Emergenza o libertà  - Rivista n° 14 (Marzo 2020)

abbonamento

Salva

Salva

Salva

+ POPOLARI

  • Emergenza o libertà +

    Emergenza o libertà

    Il carcere in tempo di coronavirus. Un tempo difficile e

    Read More
  • Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe” +

    Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe”

    Diversità, prospettive, ordine, incontro, umanità … e una fiaba rom. Sono

    Read More
  • Il Colloquio e la sua percezione visiva in carcere +

    Il Colloquio e la sua percezione visiva in carcere

    Il colloquio in carcere per i detenuti e un giorno,

    Read More
  • 1

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più