Mercoledì, 19 Dicembre 2018 10:52

Un sognatore ad occhi aperti

Vota questo articolo
(1 Vota)

Quando sei abituato ad avere uno stile di vita elevato e ad organizzare le giornate senza che ti manchino il lavoro e lo sport ti senti felice, ma appena inizia a mancarti qualcosa di tutto questo, cominci a stare male e ti manca un bel pezzo di vita.

Ti rendi conto che non hai più quello che avevi, se ti viene tolta la libertà, rimarranno solo i ricordi che una condanna non può togliere.
Una persona in carcere mi raccontava come era perfetta la suo vita con il lavoro e lo sport, quando era fuori si preparava mesi prima per la stagione di sci che comincia da novembre e terminava a giugno. Andava sempre in Valle d'Aosta, in montagna si sentiva come un aquila, divertendosi con la neve, per lui e per gli appassionati di sci era un’estasi.
L’amore per lo sci e l’emozione della neve fresca gli permettevano di vivere un sogno, ogni volta che sciava era emozionato come la prima volta, percorrendo le discese fuori pista si sentiva in paradiso era la sua più grande passione, vivere e sentire il silenzio delle montagne lo riempivano di felicità.

Durante la detenzione ogni volta che nevicava lui andava sempre in cortile all’“aria”,  camminava tutto il tempo ed evadeva con la mente in Valle d'Aosta, dove le vette raggiungibili con gli sci sono molte, rimanendo in silenzio e immaginando di sentire il vento fresco e la neve con i fiocchi che cadevano sul suo giubbotto. Era un modo per tornare indietro ad un passato più libero.
Finche una voce lo interrompeva, distogliendolo dal suo mondo immaginario, invitandolo a rientrare, l’ora d’aria era finita, si tornava all’inferno collegato alla sua realtà.

Redazione

Letto 110 volte

+ POPOLARI

  • Sovraffollamento e morti in carcere +

    Sovraffollamento e morti in carcere

    Cinque anni la durata “dell’effetto Torreggiani”, ora i dati del

    Leggi tutto
  • Un libro per uscire dall’isolamento +

    Un libro per uscire dall’isolamento

    Ho scoperto la lettura durante una situazione difficile della mia

    Leggi tutto
  • Come funziona la biblioteca nella Casa Circondariale di Torino +

    Come funziona la biblioteca nella Casa Circondariale di Torino

    La Biblioteca della Casa Circondariale di Torino , in funzione dal

    Leggi tutto
  • 1

abbonamento

Salva

Salva

Salva

copertina

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più