Martedì, 15 Settembre 2020 16:03

Tuttavia abbiamo il pennello

Vota questo articolo
(0 Voti)
Foto di A_Different_Perspective da Pixabay Foto di A_Different_Perspective da Pixabay

L’estate 2020 è passata, superata con fatica, vissuta provando a non pensare a tutto quello che in pochi mesi è accaduto. Sicuramente una speranza dimora in tutti i nostri cuori, il vivo desidero che il prossimo anno sarà diverso, magari migliore di quello trascorso.

La pandemia ha lasciato in noi traumi che non andranno via con molta facilità e noi detenuti in qualche modo abbiamo vissuto la minaccia in maniera diversa, probabilmente concentrandoci più su quello che era il reale problema, senza risentire di quelle che sono state le restrizioni della libertà attuate dal governo per porre un freno ai contagi. Fuori è ovvio, la gente ed i giovani in particolare, non sono abituati alle limitazioni della libertà, mentre noi detenuti almeno sotto questo aspetto eravamo organizzati, e lo siamo ancora oggi a prescindere se vi è o meno un’emergenza.

Tre mesi dell’estate che in genere a tutti i detenuti lasciano qualcosa, perché di ricordi in questo periodo ne riaffiorano dentro la mente.
Probabilmente il primo di questi pensieri che attecchisce perfettamente con il mondo esterno è legato alla prima rondine, che non è la prima arrivata, ma la prima avvistata da ogni carcerato.
Ogni anno, il sottoscritto ricollega l’inizio dell’estate non al mese, ma all’avvistamento della prima rondine, che sorvola il carcere in prossimità dei passeggi. Puntualmente quella rondine almeno per un po’ mi permette di volare con lei, un viaggio di pochi minuti che mi consente di uscire, di evadere e rivivere pezzi di vita che dalla quotidianità del carcere sono lontani mille miglia.

L’estate in carcere è fatta di profumi e di immagini che spesso sarebbe meglio non sentire o vedere, perché in sostanza pensare, volare, chiudere gli occhi ed evadere è si meraviglioso, ma c’è la parte peggiore di tutte che è quella del ritorno, è quella che viene successivamente, quando si rimettono i piedi a terra per camminare nel cemento, duro, secco e polveroso di un carcere.

Tuttavia la stagione estiva ci permette di fare altro, certamente in maniera più rilassata anche in questi luoghi. Si ha più tempo per l’attività fisica, per la cucina, e chi lavora, del resto come avviene fuori, beneficia di un periodo di ferie tassativamente da trascorrere sempre nello stesso carcere.
Questa estate in effetti è stata un po’ diversa. Il laboratorio Eta Beta sito all’interno del carcere Lorusso e Cutugno è stato riverniciato. Una settimana di lavoro che ci ha dato grande soddisfazione. E poi ormai questo luogo, dove centinaia di idee, racconti e storie tutte partorite da detenuti, è divenuto nel tempo il simbolo di un valore unico, una qualità che si riflette nell’importanza della libertà di parola, di pensiero e del contatto con l’esterno. In sostanza credo il laboratorio sia ormai composto dalle parole, dalla voce e dalle testimonianze di tutti noi detenuti, e non solo di quelli che ci lavorano.

L’estate in cuor mio è sempre bella, perché alla fine mi sono sempre detto che non esistono stagioni che non vale la pena di viere.
La vita va vissuta, a prescindere dallo status del soggetto, dal sesso, dall’età, dalle idee e dal luogo dove ci si può trovare.

Buona continuazione

  1. D. C.
Letto 169 volte
Ebook gratuito

abbonamento

Salva

Salva

Salva

+ POPOLARI

  • Emergenza o libertà +

    Emergenza o libertà

    Il carcere in tempo di coronavirus. Un tempo difficile e

    Leggi Tutto
  • Carcere di Torino: Covid19, non siete soli +

    Carcere di Torino: Covid19, non siete soli

    Con la speranza che un’azione tempestiva per la riduzione significativa

    Leggi Tutto
  • Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe” +

    Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe”

    Diversità, prospettive, ordine, incontro, umanità … e una fiaba rom. Sono

    Leggi Tutto
  • 1

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più