Lunedì, 24 Settembre 2018 10:31

Realizzare me stesso

Vota questo articolo
(1 Vota)
Photo by Juliet Furst on Unsplash Photo by Juliet Furst on Unsplash

Da questa parte del muro, in carcere, quella del “più si ha, più si vuole”, è una tendenza che va sempre molto di moda e che crea non poche difficoltà a livello di vivibilità, convivenza e interiorità. Superarla significa intraprendere un cammino difficile e faticoso per superare apatia e aggressività e realizzare il vero “me”.

Si dice che “chi si accontenta gode” e mai termine, fu più azzeccato come in carcere.
Quando sei detenuto, tendi sempre a vedere il bicchiere mezzo vuoto, un po’, per lo stato di cattività in cui si è costretti, e un po’ per lo stile di vita fatto d’esagerazioni, forzature vissuto durante l’esistenza fuori, prima della detenzione. È proprio con queste giustificazioni, che, la maggior parte dei detenuti, motiva questa cattiva abitudine, facendo in altre parole una superficiale e scontata analisi del problema.
Con il tempo, mettendoci del proprio, si capisce che il problema è più profondo di quel che sembra. E cioè che questo eterno senso d’incompiuto e d’insoddisfazione, ti rende insensibile e apatico alla vita e alle sue molteplici dinamiche quotidiane, dal vivere bene e onestamente con gli altri al vivere bene e onestamente con se stessi. Condizioni indispensabili, per un’esistenza corretta e concreta, che non può avere motivazioni scagionanti, né tantomeno alternative di nessun tipo, per essere vissuta nella sua pienezza e anche nella sua vera bellezza.

Personalmente ho fatto mio il concetto del vivere bene e onestamente, solo quando ho imparato ad accettare i miei limiti e le mie diversità, come un valore aggiunto. Questo, mi ha permesso, di potermi distinguere dalla massa, ma in modo diverso però, non più commettendo crimini per differenziarmi, bensì imparando, comprendendo e infine attuando l’unico mezzo in grado di dare quella soddisfazione e quella completezza indispensabile a una buona e corretta condivisione della vita con se stessi e con gli altri. La comunicazione, argomentare per sostenere pensieri, accettare idee diverse dalle mie, studiare e leggere per essere più informati e saperne un po’ di più.
D’altra parte, non è per niente semplice, imparare a essere soddisfatti, quando si ha talmente poco, come nel nostro caso, da essere nella realtà quasi nulla. Eppure sono convinto che sia proprio in ambienti duri ed estremi come questo, che una persona debba davvero trovare una forza profonda e duratura con la propria mente, riuscendo ad abbattere quel muro di frustrazioni che lo incatena a falsi miti: le belle automobili, l’abito firmato, il denaro. Anche se ammetto che il prezzo da pagare per far questo, sia, in questo luogo, molto caro e doloroso, sono comunque convinto che ciò ci possa comunque rendere delle persone più giuste e appagate, permettendoci di iniziare veramente un percorso, che non solo può insegnarci l’arte del saperci accontentare, ma addirittura il metodo di imparare a bastarsi e a completarsi come uomo e come membro attivo di una comunità civile.

C. D. B.

Letto 348 volte
Emergenza o libertà  - Rivista n° 14 (Marzo 2020)

abbonamento

Salva

Salva

Salva

+ POPOLARI

  • Emergenza o libertà +

    Emergenza o libertà

    Il carcere in tempo di coronavirus. Un tempo difficile e

    Read More
  • Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe” +

    Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe”

    Diversità, prospettive, ordine, incontro, umanità … e una fiaba rom. Sono

    Read More
  • Carcere di Torino: Covid19, non siete soli +

    Carcere di Torino: Covid19, non siete soli

    Con la speranza che un’azione tempestiva per la riduzione significativa

    Read More
  • 1

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più