Lunedì, 22 Febbraio 2021 11:50

Un nuovo sistema di videochiamate in carcere a Torino

Vota questo articolo
(0 Voti)

I colloqui WhatsApp in carcere a Torino hanno subito una modifica, e al momento risultano sostituiti con un nuovo sistema.

Spesso abbiamo scritto del gap tecnologico che vive chi si trova in carcere e questa realtà è stata resa evidente dalle videochiamate, introdotte per sostituire i colloqui in presenza durante la pandemia.

In un primo tempo queste erano effettuate con WhatsApp. La novità ha portato a commenti diversi: c’era chi non ne apprezzava la voce in ritardo e un po’ metallica, lo schermo piccolo, e certamente … il tempo sempre troppo breve.

Bene o male tutti riuscivano ad avere discreta dimestichezza con questa modalità.

L’introduzione di una nuova piattaforma ha reso evidenti le difficoltà con la tecnologia di alcuni di noi, mentre altri sono riusciti velocemente ad apprezzare questo meccanismo.

Certo non è neanche lontanamente paragonabile ai colloqui svolti in presenza, in cui da piccoli gesti e dallo sguardo dei cari si comprendono molte cose anche tra quelle che si tendono a minimizzare, a non dire, per non far preoccupare.

La videochiamata, più breve dei colloqui in presenza, risulta mediata, ci fa comprendere molte meno cose, non ci riporta i profumi/gli odori del “fuori”, gli sguardi allegri/seccati/tristi dei nostri familiari.

Talvolta ci riesce difficilissimo comprendere perché i colloqui non siano riaperti per tutti, star dietro alle diverse colorazioni delle zone è un esercizio per noi difficile.

Sappiamo che anche “fuori” ci sono molte limitazioni, i malati non possono vedere i loro parenti, gli anziani nelle case di riposo nemmeno, le aperture sono lente ovunque però noi … privati non solo della libertà, ma di quasi tutto, non riusciamo a fare a meno dell’ora di colloquio.

Vedere il legame con i nostri cari mediato dalla tecnologia può farci temere che si spezzi … che nulla torni come prima, e scivolare in pensieri negativi è un attimo.

Naturalmente c’è anche chi apprezza molto questa innovazione, chi avendo parenti lontani o molto anziani è contento di poterli vedere in questo modo.

L’auspicio è che si possa tornare presto a riabbracciare i nostri cari da qualsiasi parte d’Italia arrivino, sperando al contempo che sia mantenuta la possibilità di colloqui da remoto per coloro per i quali questa rappresenta una risposta utile alle proprie esigenze.

Redazione

Letto 71 volte
Ebook gratuito

abbonamento

Salva

Salva

Salva

+ POPOLARI

  • Emergenza o libertà +

    Emergenza o libertà

    Il carcere in tempo di coronavirus. Un tempo difficile e

    Leggi Tutto
  • Speciale estivo 2020: Glossario videoludico +

    Speciale estivo 2020: Glossario videoludico

    L’ebook che vi proponiamo è diverso dalle consuete proposte e

    Leggi Tutto
  • Carcere di Torino: Covid19, non siete soli +

    Carcere di Torino: Covid19, non siete soli

    Con la speranza che un’azione tempestiva per la riduzione significativa

    Leggi Tutto
  • 1

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più