Venerdì, 22 Marzo 2019 14:49

The night of

Vota questo articolo
(1 Vota)
Photo by Biel Morro on Unsplash Photo by Biel Morro on Unsplash

Le galere le conoscevamo bene. Per finirci dentro non c’era bisogno, come due secoli fa, di aver ucciso il padre o la madre. No, oggi bastava essere giovane, immigrato, o non”.

Viene in mente questa citazione tratta dal libro “Chourmo” di Jean Claude Izzo nel commentare quella che secondo noi è una delle più intense serie televisive degli ultimi tempi.

Il protagonista, figlio di genitori Pakistani, nato in America è il classico esempio d’integrazione ben riuscita.

Frequenta con successo il College, ha amici che nulla hanno a spartire con la criminalità, e con i classici problemi post-adolescenziali con l’altro sesso. Ma una sera cambia tutto: passa la notte con una ricca e problematica ragazza bianca, sua coetanea e al mattino si risveglia con lei nel letto trucidata da decine di coltellate. Su di lui, anche molto per merito suo, ricadono tutti gli indizi di colpevolezza e le puntate si snodano nel ripercorrere minuziosamente gli avvenimenti di quella sera e le vite nascoste dei due protagonisti portati per mano da due avvocati fuori dagli schemi.

Non spoileriamo nulla, ma nell’ultima puntata, dalla lunghezza di un film, sbocciano tutti gli interrogativi che hanno intrigato noi, ossia, la verità coincide con la giustizia? Come si forma il colpevole nell’opinione pubblica? Il carcere a cosa serve? È solo una discarica sociale che imbruttisce le persone? Se analizzassero al microscopio la vita di ognuno di noi cosa ne uscirebbe?

Gli autori della serie non cercano di propinarci il loro ideale, ma ci offrono una scenario intenso e realistico sul quale riflettere .

Redazione

Letto 271 volte
Emergenza o libertà  - Rivista n° 14 (Marzo 2020)

abbonamento

Salva

Salva

Salva

+ POPOLARI

  • Il Colloquio e la sua percezione visiva in carcere +

    Il Colloquio e la sua percezione visiva in carcere

    Il colloquio in carcere per i detenuti e un giorno,

    Leggi tutto
  • Emergenza o libertà +

    Emergenza o libertà

    Il carcere in tempo di coronavirus. Un tempo difficile e

    Leggi tutto
  • Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe” +

    Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe”

    Diversità, prospettive, ordine, incontro, umanità … e una fiaba rom. Sono

    Leggi tutto
  • 1

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più