Martedì, 03 Novembre 2020 17:21

Modifiche alla Disciplina del Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale

Vota questo articolo
(0 Voti)
Photo by Mario Purisic on Unsplash Photo by Mario Purisic on Unsplash

Passato all’onore della cronaca per l’introduzione nel Codice penale dell'articolo 391-ter in materia di contrasto all'introduzione e all'utilizzo di dispositivi di comunicazione in carcere, il Decreto Legge 21 ottobre 2020 n. 130, introduce anche modifiche alla disciplina sul Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale.

L’articolo 13 del Decreto Legge n. 130 in poco più di 10 righe, sembra accogliere, sin dalla denominazione stessa, il sempre più ampio mandato dell’Ufficio. Non più Garante delle persone detenute o private della libertà personale, ma solo Garante delle persone private della libertà personale. Un taglio inequivocabile e condivisibile per non porre l’accento sulla detenzione penale, ma sulla privazione della libertà, che purtroppo è bene ricordarlo, a volte può prende forma non solo all’interno di un istituto penitenziario, ma anche in luoghi dove “detenuti” non ci sono, (Cpr, hotspot, nelle strutture sanitarie dove presenti delle persone sottoposte al trattamento sanitario obbligatorio e non ultimi in questo periodo i monitoraggi presso le Rsa).

Importanti anche le modifiche al Meccanismo Nazionale di prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti, a cui vengono garantiti tutti i poteri e le prerogative del Protocollo ONU (Opcat).

Uno “strumento” oggi capace, è l’auspicio, di consolidare garanzie e diritti, grazie ad un maggiore coinvolgimento dei Garanti territoriali, che potranno essere delegati allo “svolgimento di specifici compiti in particolari circostanze per massimo sei mesi”. Permettendo loro di vigilare, affinché l'esecuzione sia attuata in conformità alle norme e ai principi stabiliti dalla Costituzione, dalle convenzioni internazionali sui diritti umani ratificate dall'Italia, dalle leggi dello Stato e dai regolamenti; visitare strutture, senza necessità di autorizzazione; richiedere alle amministrazioni responsabili delle strutture informazioni e documenti; verificare il rispetto degli adempimenti connessi ai diritti previsti dal decreto del Presidente della Repubblica del 1999, n. 394; formulare specifiche raccomandazioni all'amministrazione interessata.

Modifiche che accompagnano la proroga, di due anni, oltre la scadenza naturale, del mandato dell’attuale Collegio del Garante delle persone private della libertà personale.

G. B.

Per saperne di più: www.garantenazionaleprivatiliberta.it

Letto 126 volte
Ebook gratuito

abbonamento

Salva

Salva

Salva

+ POPOLARI

  • Emergenza o libertà +

    Emergenza o libertà

    Il carcere in tempo di coronavirus. Un tempo difficile e

    Leggi Tutto
  • Carcere di Torino: Covid19, non siete soli +

    Carcere di Torino: Covid19, non siete soli

    Con la speranza che un’azione tempestiva per la riduzione significativa

    Leggi Tutto
  • Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe” +

    Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe”

    Diversità, prospettive, ordine, incontro, umanità … e una fiaba rom. Sono

    Leggi Tutto
  • 1

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più