Venerdì, 04 Dicembre 2020 11:44

La quotidianità in carcere con il virus

Vota questo articolo
(0 Voti)
Photo by Jaredd Craig on Unsplash Photo by Jaredd Craig on Unsplash

All’interno del carcere la quotidianità ha subito un netto mutamento da quando il virus è apparso sul territorio italiano. Restrizioni che fanno del mondo carcerario un posto ancora più isolato, distaccato e chiuso, ancora più invalicabile, essendo in vigore le nuove misure adottate per la precauzione e protezione delle persone.

L’adattamento fa parte del DNA umano e cosi anche i detenuti si adattano.

In momenti in cui l’esistenza diventa incerta, dove la paura la fa da padrona, tensione e preoccupazione sono percepite più del solito. Tutto ciò si respira nell’aria, dove aleggia un senso di non sapere cosa si deve fare per affrontare al meglio la situazione.

Con il lockdown e le zone rosse tutti i progetti e le attività che producono assembramento, o possono essere fonte di contagio, sono state sospese. Un provvedimento sicuramente necessario, ma per i detenuti un danno. Alcuni di noi sono scombussolati da tutto ciò, e a volte non si riconoscono più, altri invece cucinano in continuazione, altri ancora si dedicano più del solito all’attività fisica. Reazioni diverse in un contesto comune che fanno capire l’essenzialità di tutte le attività sospese. Una ruotine spezzata, che ti porta a riflettere su come impegnare al meglio il tempo vuoto e a stabilire un nuovo equilibrio per affrontare al meglio questo ostacolo.

La trasformazione della quotidianità in carcere si osserva in particolar modo nel distanziamento.

Alcuni detenuti, me compreso, sono molto attenti a questa misura e questo causa una diffidenza maggiore tra di noi. Passando il maggior tempo soli, a svolgere le attività che ognuno preferisce, per allontanare via i pensieri negativi, si cerca di reinventarsi per trovare benessere o almeno qualche momento di distrazione.

La situazione può essere osservata da più prospettive, ma la domanda è sempre la stessa: ”Come si fa a mantenere il distanziamento in un posto sovraffollato?”, non si può attuare una norma del genere in un contesto detentivo, salvo le eccezioni di alcune sezioni e celle dedicate all’isolamento fiduciario.

Per quanto riguarda la concessione dei benefici di legge che tutti i detenuti sperano e ambiscono prima o poi ad ottenere, in questo momento rappresentano un vero problema, e nessuno sa come affrontarlo.

Adesso le aspettative non devono essere troppo azzardate “dice qualcuno”. Aspettare e ancora aspettare per l’assestamento della situazione in attesa di migliori condizioni, sembra essere la miglior risposta o la cura più efficace in questo e forse anche in altri momenti a venire.

Un pensiero è inoltre necessario rivolgerlo anche alle persone recluse con maggiore fragilità, come gli anziani o chi è diversamente abile, esposte di più al rischio del contagio. Queste si trovano in una situazione in cui non possono scegliere in nessun modo, mettendo così a repentaglio la propria vita.

Una condizione dove non si ha spazio di manovra per poter cambiare qualcosa nella routine quotidiana per sfuggire a questo dramma.

Redazione

Letto 351 volte

+ POPOLARI

  • Un nuovo sistema di videochiamate in carcere a Torino +

    Un nuovo sistema di videochiamate in carcere a Torino

    I colloqui WhatsApp in carcere a Torino hanno subito una

    Leggi Tutto
  • La tecnologia entra in carcere +

    La tecnologia entra in carcere

    Il diciassettesimo Rapporto di Antigone sulle condizioni di detenzione, intitolato

    Leggi Tutto
  • Gioco: "Il Bus" il game di Vallette al Centro +

    Gioco:

    Eta Beta Scs presenta “Il Bus”, un’avventura testuale che vi

    Leggi Tutto
  • 1

abbonamento

Salva

Salva

Salva

Ebook gratuito

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più