Venerdì, 07 Febbraio 2020 17:12

Il rigetto

Vota questo articolo
(0 Voti)
Photo by Bill Oxford on Unsplash Photo by Bill Oxford on Unsplash

Quando ti trovi in un posto chiuso come il carcere per tanto tempo non riesci a fare a meno di pensare a come ci sei finito. Una volta che la porta della cella si chiude dietro di te, non ti resta altro da fare che affrontare la situazione e cominciare a organizzare la tua sopravvivenza per cambiare la situazione attuale e trovare al più presto una strada di uscita, ma il mix di adrenalina, paura, ansia e disorientamento ha un effetto devastante.

Non sai quale è la cosa migliore da fare e cominci a crearti un mondo immaginario nella tua mente. Il tempo non ti manca ed è il momento di cominciare a costruirti il futuro se vuoi uscire.
Per raggiungere i tuoi progetti parli con le persone che ti seguono, come i familiari, ma è molto importante parlarne anche con il criminologo/criminologa e l’educatrice/educatore di riferimento, la cui relazione scritta permetterà al Magistrato di Sorveglianza di conoscerti.
È il punto di partenza per il tuo futuro e con il loro aiuto cominci a lavorare su di te e sulla tua vita.

La speranza di essere valutato positivamente nel tuo percorso è lontana anni luce visto che una persona perfetta non esiste. Il lavoro che hai fatto su di te viene valutato dal criminologo/criminologa e dall’educatrice/educatore in base ai tuoi progressi cercando di capire una volta fuori quale è la strada che intendi percorrere, se la bella vita, che ti riporterà in carcere nuovamente o se cercherai un lavoro onesto per crearti una famiglia normale.
Bisogna decidere di perseguire il secondo percorso e arrivarci nonostante le tentazioni del passato.

Il tempo passa e il tuo percorso è ottimo, il tuo cambiamento si vede, le ore di colloquio con educatori e criminologi per anni pensi che abbiano dato i risultati sperati e cosi viene il momento di presentare i tuoi progetti al Magistrato di Sorveglianza.
Ribadendo che con questa analisi su te stesso sei pronto mentalmente e psicologicamente ad affrontare una vita nuova al di fuori del carcere.
Ma per un Magistrato di Sorveglianza potresti non essere pronto a tutto ciò, e la “bocciatura” distrugge la tua esistenza con la semplice motivazione che non sei ancora pronto per usufruire di una misura alternativa.
Tutti i tuoi sforzi e le sofferenze passate non bastano, devi ricominciare da capo e nel frattempo rimani in attesa nuovamente di ricominciare.

Per un detenuto il giorno più bello è solo uno, quello della scarcerazione. Lo aspetta con ansia e gli sembra che non arrivi mai.

E. A.

Letto 69 volte
copertina speciale liberazioni

abbonamento

Salva

Salva

Salva

+ POPOLARI

  • Essere felici +

    Essere felici

    Essere felici dietro a delle sbarre e a delle mura

    Leggi tutto
  • Vallette al Centro: un logo per l’inclusione +

    Vallette al Centro: un logo per l’inclusione

    Oggi trasmettere un valore quale l’inclusione sembra essere un’impresa difficile,

    Leggi tutto
  • Un viaggio indesiderato: i trasferimenti da un carcere all’altro +

    Un viaggio indesiderato: i trasferimenti da un carcere all’altro

    I trasferimenti delle persone detenute da un carcere all’altro si

    Leggi tutto
  • 1

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più