Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 276

Mercoledì, 22 Marzo 2017 12:15

Cattivi, di Maurizio Torchio

Vota questo articolo
(1 Vota)

La sensazione che ho avuto leggendo questo libro è che qualcuno stesse svelando dei miei segreti. Tra le pagine ho ritrovato una descrizione talmente vivida, precisa ed emozionante di particolari di vita penitenziaria che mi ero convinto che lo scrittore fosse sicuramente stato in carcere.

E invece no, non ci è stato, ma il racconto in prima persona della prigionia del carnefice e della vittima è, grazie ad una scrittura secca ed asciutta, potente, intensa e perfettamente aderente alle sensazioni che si provano da reclusi. La descrizione della cella (“la  cella è lunga quattro passi e larga un paio di braccia tese. Se mi alzo in punta di piedi tocco il soffitto..”) fa nascere quel senso di claustrofobia che si prova ogni volta che chiudono i blindi e il racconto dell’uscita in permesso, dopo tanti anni di detenzione, di un recluso è stato toccante, commovente quanto più posso affermare che è vero.
Non lo so se il microcosmo del carcere è adeguata metafora della vita (lo scrittore Petroni disse “il mondo è una prigione”), ma alcune frasi del libro sono il perfetto compendio del mio pensiero rispetto alle detenzione: “Il carcere non serve a restituire al mondo. È fatto per chiudere, coprire, cicatrizzare. Può chiudere in modo sporco e caotico, oppure sterile e giusto”.

Maurizio Torchio, Cattivi
Einaudi

[D. G.]

Letto 1489 volte

+ POPOLARI

  • Work in progress +

    Work in progress

    Letter@21 torna a fare sentire la propria voce, dopo un

    Leggi Tutto
  • Valutare l’impatto sociale del lavoro in carcere +

    Valutare l’impatto sociale del lavoro in carcere

    Questo il titolo del numero monografico della rivista “Studi Zancan”

    Leggi Tutto
  • La televisione parla di carcere +

    La televisione parla di carcere

    Non sono molti i programmi televisivi dedicati al carcere, ma

    Leggi Tutto
  • 1

abbonamento

Salva

Salva

Salva

liberazioni 2021 cop

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.