Giovedì, 21 Gennaio 2016 15:08

Brutti, sporchi e cattivi

Vota questo articolo
(1 Vota)

Se penso ai film di Ettore Scola il primo che mi viene in mente non è uno dei suoi “classici” capolavori come “C’eravamo tanto amati” o “Una giornata particolare”, bensì “Brutti, sporchi e cattivi” che con il suo titolo ha creato un’etichetta che tante volte, per il solo fatto di essere un detenuto, mi sono sentito addosso.

Il regista è mancato da poco più di 24 ore all’età di 84 anni, ma i suoi film rimarranno per sempre nel nostro cuore per i suggestivi ritratti degli anni del nostro recente passato.
Per chi è ancora giovane film come “C’eravamo tanto amati” o “La Famiglia” sono il miglior modo per vivere un intenso periodo della nostra storia, ripercorrendo, attraverso personaggi sempre disegnati con finezza psicologica, turbolenti anni di vita italiana.
Il tocco dei suoi film è sempre stato leggero, nel solco di quella che davvero si può definire commedia all’italiana, pur trattando tematiche complesse come lo sfaldarsi, davanti agli agi della vita, degli ideali per i quali tanto si era combattuto (“C’eravamo tanto amati”).
Ha anticipato di anni temi ancora oggi dibattuti aspramente nel dibattito pubblico, come l’omosessualità di Gabriele, annunciatore radiofonico destinato al confino, protagonista di “Una giornata particolare” ambientato negli anni della cieca obbedienza al fascismo.
E che dire di “Dramma della gelosia – Tutti i particolari in cronaca”, con una strepitosa Monica Vitti, che anticipa di anni il tema del femminicidio.
Il film finisce in un doppio dramma sia per Adelaide, ma anche per il suo ex Oreste che dopo aver scontato la sua pena, finirà a vagabondare per la città, ormai uscito completamente di senno, quello di cui noi tante volte abbiamo paura.

Letto 1570 volte
Ebook gratuito

abbonamento

Salva

Salva

Salva

+ POPOLARI

  • Emergenza o libertà +

    Emergenza o libertà

    Il carcere in tempo di coronavirus. Un tempo difficile e

    Leggi Tutto
  • Carcere di Torino: Covid19, non siete soli +

    Carcere di Torino: Covid19, non siete soli

    Con la speranza che un’azione tempestiva per la riduzione significativa

    Leggi Tutto
  • Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe” +

    Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe”

    Diversità, prospettive, ordine, incontro, umanità … e una fiaba rom. Sono

    Leggi Tutto
  • 1

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più