×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 276

Venerdì, 27 Ottobre 2017 10:17

Fin dove arriva l’auto condivisa?

Vota questo articolo
(0 Voti)

Martedì 19 settembre è stata per me una data davvero importante, perché dopo tanti anni di sospensione, sono riuscito ad ottenere di nuovo la patente di guida. Essendo un grande appassionato di auto essere senza patente era per me un grande peso e, al fine di superare brillantemente l’esame di guida, ho passato l’estate a studiare e a fare quiz.

Quindi potete immaginare la mia grande voglia di riprendere in mano il volante dopo così tanto tempo. E ho pensato, che per guidare immediatamente non ci fosse soluzione migliore che  iscriversi a uno dei diversi servizi di car sharing che operano in città. E così, appena riconquistato l’agognato documento ho scaricato le apposite app e con orgoglio ho inviato la scannerizzazione della patente. L’iter è stato abbastanza facile anche per me che ancora devo colmare un copioso gap digitale e grazie all’aiuto di una “fata benefattrice” sono anche riuscito ad effettuare il mio primo noleggio. Tutto bene quindi?
No, perché essendo quel giorno in permesso premio ed avendo alla nausea il percorso turistico delle Vallette della linea 29 ho pensato bene di rientrare in carcere con l’auto del car sharing, ma ho presto scoperto che non è possibile.
E sì, perché nonostante le principali società del settore non obblighino più all’esclusivo parcheggio negli appositi stalli il noleggio può solo terminare all’interno di un’area cittadina definita di copertura e che, come avrete capito, non comprende il carcere. Certo il carcere di Torino è ubicato in una zona assolutamente periferica  ma per me, come per i molti che vivono o lavorano all’interno di questa particolare struttura, è l’ombelico del mondo e la “piazza San Carlo dell’anima”, per cui vedere che non arrivi né car, né bike sharing non piace per niente e non fa che aumentare quel senso di anti risocializzazione che già in tante circostanze viviamo.
Come più volte abbiamo scritto su Letter@21 noi crediamo fermamente che coloro che vivono nel carcere, anche se separati dalla società, continuino a farne parte e ciò si dimostra anche nella considerazione che la città e le imprese che vi operano ha nei confronti di chi quotidianamente si approccia alle strutture detentive.
Avvocati, parenti dei detenuti, polizia penitenziaria, volontari, infermieri, educatori, assistenti sociali, fornitori, centinaia sono le persone che ogni giorno varcano i portoni di Via Maria Adelaide Aglietta e pensiamo che la possibilità di usare un mezzo del car sharing sia utile a moltissimi utenti, e non solo a quelli disagiati.
Inoltre essendo Letter@21 partner di aziende che vogliono affermare la loro responsabilità sociale d’impresa possiamo dire con cognizione di causa che la decisione di allargare l’area di copertura fino al penitenziario possa conciliare gli obiettivi economici con quelli sociali nell’ottica di favorire una condotta responsabile e creando vantaggio alla comunità tutta.
Aspettiamo con ansia di poter parcheggiare davanti al carcere una delle vetture.

D.G.

Letto 1177 volte
Emergenza o libertà  - Rivista n° 14 (Marzo 2020)

abbonamento

Salva

Salva

Salva

+ POPOLARI

  • Emergenza o libertà +

    Emergenza o libertà

    Il carcere in tempo di coronavirus. Un tempo difficile e

    Read More
  • Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe” +

    Carcere Lorusso e Cutugno: I.C.A.M. “La madre e il suo principe”

    Diversità, prospettive, ordine, incontro, umanità … e una fiaba rom. Sono

    Read More
  • Il Colloquio e la sua percezione visiva in carcere +

    Il Colloquio e la sua percezione visiva in carcere

    Il colloquio in carcere per i detenuti e un giorno,

    Read More
  • 1

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più