In ottobre con la redazione allargata di Letter@21 abbiamo fatto degli incontri formativi con i responsabili di ETA BETA e con  Stefano Del Mastro, sui temi della scrittura e di come si possa raccontare e promuovere un territorio. Stefano lavora in una cooperativa editoriale, “LIBERLAB” ed in una casa editrice, sempre cooperativa ,“Scritturapura”.

Storie di mezzo, sospese tra sofferenza e ricerca dell’armonia interiore, dove l’immaginazione e la creatività diventano una possibilità per oltrepassare le alte mura di un carcere, che mescolano dolore, amarezza, speranza, umanità e vite drammatiche.

Diciotto racconti brevi scritti da persone con problemi di giustizia. Storie tra dentro e fuori dove le parole, l’immaginazione e la creatività diventano una possibilità per oltrepassare le alte mura di un carcere, dove la scrittura permette di raccontare e conoscere un luogo “altro” lontano da stereotipi, pregiudizi e luoghi comuni.

Alcuni personali consigli per la preparazione ad un esame universitario all’interno del Polo Universitario della C.C. Lorusso e Cutugno.

Che tempo fa oggi? Questa domanda apparentemente semplice e banale, a noi detenuti suscita sempre un’infinità di emozioni diverse e contrastanti tra loro.

Nell’ambito del Festival LiberAzioni di Torino, tenutosi nel quartiere e nel carcere delle Vallette dal 7 al 9 settembre, è intervenuto con una sua performance l’attore, autore, regista e scrittore Ascanio Celestini, emozionando il pubblico parlando con poesia di carcere e istituzioni, file indiane e pappagalli e di piccoli piccoli paesi.

La videolettera che Moni Ovadia ha inviato a LiberAzioni: festival delle arti fuori e dentro dal carcere, proiettata in anteprima durante la conferenza stampa tenutasi alla Casa Circondariale "Lorusso e Cutugno" di Torino il7 settembre 2017

L'intervento di Andrea, nato e crescito nel quartiere delle Vallette di Torino, una persona privata della libertà reclusa presso la Casa Circondariale di Torino "Lorusso e Cutugno", intervenuta durante la proiezione per le detenute e i detenuti di "Ninna Nanna Prigioniera" di Rossella Schillaci (2016, 82'), cui ha partecipato la stessa regista nell'ambito di LiberAzioni: festival nazionale delle arti fuori e dentro dal carcere.

Dopo lunghi anni di detenzione, finalmente posso andare in vacanza d’estate come tutte le altre persone. Nel mese di agosto ho usufruito di un permesso premio che per me era molto speciale. In base alla mia richiesta, il Magistrato di Sorveglianza mi ha concesso un permesso premio di sette giorni per poter andare dai miei parenti che si trovano in un'altra regione. Il trattamento prevedeva la possibilità diurna di muovermi nel solo comune di Senigallia, mentre di notte dovevo rimanere in casa.

LiberAzioni è il primo festival nazionale di cinema, fotografia e scrittura, con sezioni di concorso aperte a detenute, detenuti, ragazze e ragazzi liberi sotto i 35 anni. Si basa sull’organizzazione partecipata, attraverso una serie di laboratori che da maggio a dicembre hanno portato azioni di cittadinanza attiva sul territorio de Le Vallette. I temi che affronta sono la reclusione, la pena, la libertà e la relazione dentro/fuori.

#sprigionalescritture

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più