Giovedì, 02 Agosto 2018 17:38

Letargo d'agosto

Estate tempo in cui tutto rallenta un po’, alcuni restano nelle città quasi vuote e altri vanno verso mete sognate tutto l’anno. Altri ancora sentono questo periodo come “una pena in più” in cui neanche l’ora d’aria consente di mettere da parte per qualche istante il quotidiano, in cui le attività si riducono fino a cessare del tutto rendendo tutto più silenzioso.

Questo numero di Letter@21 si ispira al tema del Salone del Libro. Un giorno tutto questo … Cinque domande sul nostro futuro, sui significati profondi dell’essere umano, della sua convivenza con gli altri e sul pianeta che abita, che aiutano i nostri redattori a riflettere e a portare le loro parole tra carcere e “vita fuori”.

Per passare dalla condizione di detenzione a quelle di un regime alternativo alla pena servono molti tasselli. Serve una casa ... il lavoro ... e le relazioni, sono fondamentali per acquisire frammenti della realtà esterna che riconducano a quotidianità condivise e alla possibilità di riacquisire spazi di libertà creando un ponte con l’esterno.

La redazione interna al carcere talvolta risente degli umori indotti da quanto comunicano quotidiani  e tg: un titolo troppo forte, la cronaca insistita di un’evasione durante la misura alternativa, senza parlare dei tanti che quotidianamente rientrano in carcere sino a concludere la propria pena.

Mercoledì, 25 Ottobre 2017 11:58

Una carbonara molto sperimentale

Era un giorno di autunno del 2006, quando assaggiai per la prima volta la carbonara.Ero arrivato da poco da mio fratello in Italia e gli chiesi se mi poteva portare in un posto a mangiare qualcosa che non avevo mai mangiato, era tanta la curiosità di conoscere nuovi piatti Italiani. Tutti parlavano bene della cucina Italiana, volevo avere anche io il mio pensiero su questo argomento. Mio fratello mi portò in un ristorante famoso della zona, dove ci sedemmo al tavolo e mi consigliò di ordinare una carbonara e cosi feci. Dopo la prima forchettata dovetti dargli ragione. Non immaginavo che un piatto di pasta potesse essere cosi buono, da quel giorno diventò il mio piatto preferito. Io non so cucinare ma questo piatto ho imparato a farlo e lo preparo almeno una volta alla settimana, a volte aggiungendo ingredienti e sperimentando una nuova carbonara.

Mercoledì, 25 Ottobre 2017 11:42

Paçe plansash (trippa all'albanese)

Mi ricordo quando avevo 14-15 anni,  andavo al liceo,  giocavo pure a calcio, ma finita la scuola e prima di andare agli allenamenti, mi fermavo quasi tutti giorni in una trattoria per ordinare un piatto che nella mia lingua si chiama (paçe plansash). Aveva un sapore stupendo grazie alle mani d’oro della cuoca che lo preparava. Era il migliore della città, ho provato anche nelle altre trattorie, ma il gusto era diverso nonostante gli ingredienti fossero gli stessi. Spendevo i soldi che i mie genitori mi regalavano solo per mangiare quel piatto. Era all’ordine del giorno, era il mio “vizio”, ma è tantissimo tempo che non assaggio più quella delizia.

Pagina 1 di 5

+ POPOLARI

  • Che ci faccio io qui? Mamme e bambini nelle carceri italiane +

    Che ci faccio io qui? Mamme e bambini nelle carceri italiane

    Un passeggino che sembra abbandonato all’interno di un sottoscala che

    Leggi tutto
  • Identità burocratiche +

    Identità burocratiche

    Quando si arriva a ottenere il beneficio dei permessi premio,

    Leggi tutto
  • Meno reati più detenuti e in carcere si continua a morire +

    Meno reati più detenuti e in carcere si continua a morire

    I dati relativi alla situazione carceraria dei primi due terzi

    Leggi tutto
  • 1

abbonamento

Salva

Salva

Salva

sinnario

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più