Mercoledì, 31 Luglio 2019 14:18

La solita estate diversa

Vota questo articolo
(0 Voti)
La solita estate diversa Photo by Redazione Eta Beta SCS

Tra dentro e fuori i contributi dei parteciapanti al Progetto Vallette al centro al nuovo numero di Letter@21.

Il periodo estivo è uno dei periodi dell’anno difficili per chi è privato della libertà personale. E nel numero di luglio di Letter@21 questo sentimento, questo sentire si fa vivo con forza.Si ricordano estati spensierate, presenze di amici, il sapore di una ricciola, o le emozioni di una vacanza felice. Momenti ora lontani che per un attimo possono fare dimenticare la condizione in cui si vive. Oppure può essere “l’ennesima estate, nella quale, posso vedere il mare solo in cartolina o tramite qualche foto mandata da amici che sono in villeggiatura”.

L’estate oltre a essere divertimento, svago, relax è spesso legata ad affetti passeggeri o duraturi e il tema di un diritto negato, quello all’affettività è sicuramente uno dei più sentiti da chi è recluso, ma anche da parte di familiari, di chi opera all’interno di un carcere e di chi si occupa di detenzione. Un dato risulta significativo su 47 Stati del Consiglio d’Europa ben 31 prevedono la possibilità di visite affettive. L’ordinamento penitenziario ci rammenta che la pena debba essere volta al reinserimento e non essere solo afflittiva, anche se si parla di ergastolo ostativo a seguito della sentenza della Corte europea dei diritti umani (Cedu) sul caso Marcello Viola c. Italia.

Evocare il carcere con il concetto di “buttare via la chiave” rappresenterebbe una sconfitta per tutta la società, incapace di offrire alternative a chi ha commesso un reato.

Anche a luglio a tenerci compagnia ci sono Mario Pica, il quiz, stavolta per permettere di sprigionare le scritture a tutti, la cucina, la poesia, consigli di lettura e visioni, le voci delle Belle dentro. A completare il menù un’intervista a Wolfango Sbodio, docente di Diritto ed Economia che da anni porta, all’interno del carcere di Torino oltre ai libri della materia che insegna, scacchiera, cavalli, re, regine, pedoni, alfieri e torri, tenendo corsi sugli scacchi per persone recluse.

Redazione

Letto 1957 volte

+ POPOLARI

  • Valutare l’impatto sociale del lavoro in carcere +

    Valutare l’impatto sociale del lavoro in carcere

    Questo il titolo del numero monografico della rivista “Studi Zancan”

    Leggi Tutto
  • La televisione parla di carcere +

    La televisione parla di carcere

    Non sono molti i programmi televisivi dedicati al carcere, ma

    Leggi Tutto
  • Work in progress +

    Work in progress

    Letter@21 torna a fare sentire la propria voce, dopo un

    Leggi Tutto
  • 1

abbonamento

Salva

Salva

Salva

liberazioni 2021 cop

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.