Venerdì, 20 Luglio 2018 13:45

Russia 2018 in carcere

Vota questo articolo
(0 Voti)

Da quanto ho memoria ho sempre atteso l’inizio della Coppa del mondo di calcio con impazienza, vedevo tutti entusiasti dell’inizio del mondiale, ognuno si organizzava per seguire le partite con amici, parenti o vicini di casa. Dovunque ti trovassi e qualunque cosa stessi facendo le partite del mondiale avevano la priorità su tutto il resto. Un’emozione che mi è rimasta sin da bambino.

L’ultima Coppa del Mondo che lo visto in libertà è stata quella del 2006.
Mi trovavo al mare in spiaggia, avevo appena iniziato le ferie terminata la mia attività agonistica di allora. Avevo appuntamento con gli amici per vedere la finale Italia – Francia. In quella partita vinse l’Italia ai rigori e diventò per la quarta volta Campione del Mondo, sensazioni indimenticabili che solo il mondiale sa regalare.
È stata una serata unica soprattutto se penso all’ultimo mondiale. Vedere la finale davanti ad una birra fresca trasmessa da uno schermo gigante, con la tua ragazza a fianco e gli amici in spiaggia, è quanto di meglio si potesse desiderare.
Per Russia 2018 non posso dire lo stesso visto che l’ho vissuto in carcere, dove non hai la possibilità di vedere le partite in spiaggia, dove il vento del mare non ti accarezza il viso. Qui molte cose e “attività normali” sono limitate. Ritornando alla Coppa del Mondo 2018 la squadra per cui tifo l’Italia non ha partecipato, quindi rispetto al 2006 sono davvero tante le cose cambiate.
Questo mondiale l’ho seguito insieme ai miei compagni di sventura ed in mancanza dell’Italia ho tifato per il Belgio e la Croazia. Ed in finale è riuscita a qualificarsi proprio la Croazia.
Con i miei compagni ci siamo organizzati: in mancanza della birra il the freddo, però lo schermo gigante 52 pollici c’era (quello dello spazio comune nella sezione in cui siamo reclusi), dividendoci a metà, una parte tifava per la Francia e l’altra per la Croazia, una tifoseria multietnica nel suo insieme.
Questa volta per la mia squadra è andata male, la Francia ha vinto 4 a 2 ed è diventata per la seconda volta Campione del Mondo.
Devo dire, che ogni cosa, ogni pensiero, ogni emozione era diversa dal 2006, ho provato una malinconia enorme per situazioni così differenti.
Nonostante il posto in cui mi trovo è stato comunque anche questo un mondiale bello e pieno di sorprese, un modo per sperare che ritorni un nuovo 2006.

E. A.

Letto 146 volte

+ POPOLARI

  • 14 giugno carcere di Torino: un ritorno atteso due anni +

    14 giugno carcere di Torino: un ritorno atteso due anni

    Per La Drola il campionato è finito, le prove decisive

    Leggi tutto
  • Aperitivo sociale: “L’unica pena certa è la detenzione in carcere?” +

    Aperitivo sociale: “L’unica pena certa è la detenzione in carcere?”

    Venerdì 25 maggio 2018 dalle ore 17:30 alle ore 19:30,

    Leggi tutto
  • Area di esecuzione penale esterna: Approcci innovativi e nuove sfide per l’inclusione sociale +

    Area di esecuzione penale esterna: Approcci innovativi e nuove sfide per l’inclusione sociale

    Martedì 26 giugno 2018 dalle ore 14:00 alle ore 17:30,

    Leggi tutto
  • 1

abbonamento

Salva

Salva

Salva

sinnario

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più