Venerdì, 07 Dicembre 2018 09:29

Lorusso e Cutugno: lunga vita al Polo Universitario

Vota questo articolo
(0 Voti)

Dopo oltre vent’anni di lezioni ed esami, il Polo universitario del Lorusso e Cutugno di Torino firma la nuova convenzione tra Università degli studi e Casa Circondariale.

Sono due i percorsi accademici che gli studenti detenuti possono imboccare, Scienze politiche e sociali e Giurisprudenza. Per tutti i ragazzi iscritti in questo cammino ci sono ottime possibilità di reinserimento lavorativo una volta raggiunto l’obbiettivo,  il conseguimento della laurea breve, grazie a borse lavoro e inserimenti lavorativi, spesso in cooperative sociali che puntano su di loro anche una volta ottenute le misure alternative alla detenzione. Un lavoro difficoltoso, che si fonda su un concreto e tangibile gioco di squadra tra società e istituzionepenitenziaria.
Durante la celebrazione dei vent’anni del Polo universitario di Torino, svoltasi presso il Padigione E mercoledì 28 novembre, ha preso la parola un giovane ragazzo, come rappresentante detenuto studentesco, tenendo un discorso che ha spiazzato e fatto riflettere il pubblico. Parole sagge e sincere, che hanno sottolineato  l’importanza e la necessità del diritto allo studio, anche per le persone private della libertà, che grazie a questo percorso possono acquisire la conoscenza e la consapevolezza indispensabili, per tornare sulla strada giusta e riprendersi così in mano le redini della propria vita.
Il discorso ha rubato ai presenti della sala polivalente del blocco “E”, un grosso e sentito applauso pieno di commozione e consenso.
Questa giornata è stata sicuramente piacevole, costruttiva e prospera di buone intenzioni, infatti, erano presenti per la circostanza tutti i massimi esponenti di entrambe le istituzioni, sperando che un progetto all’avanguardia come questo possa avere  un’evoluzione verso un futuro tecnologico, con l’inserimento magari di lezioni intranet.
Mi sento di concludere con un pensiero a tutti i nostri compagni detenuti, che per svariati motivi non hanno questa risorsa/possibilità. Spero sinceramente che nonostante tutto, riescano anche loro a trovare al più presto la voglia di liberarsi da stili di vita troppo rigidi, proprio com’è successo a me e a tanti altri che sono passati di qua. Oggi, grazie anche a questo progetto, trascorro le mie giornate come un uomo libero, almeno mentalmente, ed ho capito che esiste un’alternativa al nostro passato. Dobbiamo solo crederci e prenderci il tempo necessario per dare modo ai nostri sogni e ai nostri progetti di realizzarsi con un confronto veritiero in un andirivieni di memorie e aspettative.

C. D. B.

Letto 30 volte

+ POPOLARI

  • Happy Fredhome +

    Happy Fredhome

    Freedhome – Creativi Dentro, compie due anni e il 26 ottobre

    Leggi tutto
  • Eppur qualcosa si muove (anche in carcere): i permessi premio +

    Eppur qualcosa si muove (anche in carcere): i permessi premio

    Il trattamento rieducativo previsto dall’O. P. italiano, qualora i condannati

    Leggi tutto
  • Collegno batte La Drolâ +

    Collegno batte La Drolâ

    Anno 2018-2019 comincia il campionato regionale del Piemonte serie C2

    Leggi tutto
  • 1

abbonamento

Salva

Salva

Salva

Letter@21 N° 10 - Novembre 2018

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

metodi per allungare il pene how to choose male vibrator

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più