Venerdì, 16 Marzo 2018 13:42

Google: Diritto all’oblio

Vota questo articolo
(0 Voti)
Photo by geralt @pixabay - CC0 Creative Commons Photo by geralt @pixabay - CC0 Creative Commons

2,4 milioni di richieste di cancellazione ricevute da Google in Europa dalla promulgazione della Legge sul Diritto all’Oblio. La legge sul “Diritto all’Oblio”, in vigore nell’Unione Europea, prevede che i cittadini possano chiedere ai motori di ricerca di cancellare i risultati in cui il loro nome compare associato a pagine della loro vita personale che vogliono siano dimenticate.

In base ai dati rilasciati da Google, nel documento “Three years of the right to be forgotten” risulta che, dal 2016, ossia da quando si registra questo tipo di operazione, al dicembre 2017, Google ha ricevuto 2,4 milioni di richieste di cancellazione dal motore di ricerca da quasi 400mila cittadini europei, soprattutto francesi. Dall'Italia l'8,1% delle domande di cancellazione. Google ha proceduto esaminando ogni singola domanda e, in caso di accertata violazione di privacy o decaduta rilevanza dell'informazione, procedendo con il delisting dal motore di ricerca (in un primo momento solo dai risultati visualizzati in Europa, e poi dal 2015 anche nel resto del mondo). Delisting non significa cancellazione dal Web, naturalmente, ma perdere visibilità su un motore di ricerca per una pagina Web non recente equivale, di fatto, a scomparire.
Nel report presentato da Google è presente anche la ripartizione dei gruppi che hanno presentato più richieste: i privati cittadini sono titolari del 90% di tutte le richieste. Tra i Paesi più prolifici di rivendicazioni di oblio spiccano la Francia (un quinto delle domande arrivava da qui), la Germania (17%) e il Regno Unito (13%), mentre dall'Italia sono giunte circa 190mila richieste di delisting, l'8,1% del totale. Sotto esame articoli di testate giornalistiche, documentazioni varie e, soprattutto, pagine di social network (Facebook, Google Plus, YouTube e Twitter) che riportavano notizie non edificanti e non più attuali (come quelle di indagini o incriminazioni, rivelatesi infondate oppure con pene già scontate), violazioni della riservatezza, dati sensibili che non avrebbero mai dovuto finire online o, ancora, il profilo di qualcuno che è deceduto. Per il Regno Unito e per l'Italia si osserva un tendenza superiore alla media nel richiedere la rimozione di articoli pubblicati da testate online (in Italia in particolare su Repubblica.it).
Il report (tra le righe del quale si legge una certa insoddisfazione di Google nel seguire i dettami dell’UE in fatto di privacy e oblio) è stato rilasciato non a caso a poche settimane dall’entrata in vigore, il prossimo 25 maggio, del nuovo Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali e soprattutto a poche ore dalla prima sentenza inglese in fatto di diritto all’oblio. L’Alta Corte di Londra sarà chiamata a decidere se un truffatore condannato abbia diritto o meno a chiedere la cancellazione della sua storia giudiziaria dalla rete.

Photo by geralt @pixabay - CC0 Creative Commons

Letto 168 volte

+ POPOLARI

  • Carcere di Torino: inaugurazione reparto colloqui familiari-detenuti +

    Carcere di Torino: inaugurazione reparto colloqui familiari-detenuti

    Da “Volare” di Domenico Modugno, al mare, la sala d’attesa

    Leggi tutto
  • San Valentino: ricordo di un viaggio +

    San Valentino: ricordo di un viaggio

    Febbraio del 2007, uscii dalla Casa Reclusione di Opera (Mi),

    Leggi tutto
  • Riforma della Giustizia: un passo dopo l’altro, ma lentamente +

    Riforma della Giustizia: un passo dopo l’altro, ma lentamente

    Nonostante gli Stati Generali dell’Esecuzione Penale, i disegni di legge

    Leggi tutto
  • 1

abbonamento

Salva

Salva

Salva

Letter@21 n° 7 - Marzo 2018: Una rete per ritrovare la libertà

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più