Ci sono i luoghi comuni e c’è la realtà. Entrambe si basano su numeri, ma una diversamente dall’altra riflette una fotografia sfocata. Questa distinzione si applica perfettamente a coppie di parole come carcere e lavoro, detenzione e libertà. Usate spesso a piacimento per descrivere riflessioni nate dalla pancia o per uso politico.

Martedì 19 settembre è stata per me una data davvero importante, perché dopo tanti anni di sospensione, sono riuscito ad ottenere di nuovo la patente di guida. Essendo un grande appassionato di auto essere senza patente era per me un grande peso e, al fine di superare brillantemente l’esame di guida, ho passato l’estate a studiare e a fare quiz.

Iniziativa prevista tra gli eventi di Vale La Pena. Inaugurazione il 6 novembre presso la sede dell’Associazione Alec ad Alba.

“Spes contra spem - Liberi dentro” è il titolo del docu-film diretto da Ambrogio Crespi che verrà proiettato il 26 ottobre e 27 ottobre prossimi in diverse locations istituzionali, a Torino e ad Asti.

Si riparte con Vale la pena 2017, da Alba il 1° ottobre. Giunta alla settima edizione, la kermesse è dedicata quest’anno all’economia penitenziaria. Esposizioni, mostre, momenti di riflessione, approfondimenti sulle tematiche carcerarie e l’immancabile presentazione del vino prodotto con l’uva coltivata nella Casa Circondariale di Alba, da cui la manifestazione prende il nome, saranno il cuore della manifestazione.

Le ultime due giornate, della Summer School 2017 di Antigone a Saluzzo, raccontate dal vivo da un nostro redattore che vi ha partecipato, con le sue impressioni ed esperienze.

Giornate intense alla “Summer School di Alta Formazione sulla Privazione della Libertà e sui Diritti Fondamentali” di Antigone, nelle sessioni presso la Castiglia Saluzzo in programma questa settimana. A raccontarci dal vivo impressioni ed esperienze un nostro redattore che vi sta partecipando.

Nell’ambito del Festival LiberAzioni di Torino, tenutosi nel quartiere e nel carcere delle Vallette dal 7 al 9 settembre, è intervenuto con una sua performance l’attore, autore, regista e scrittore Ascanio Celestini, emozionando il pubblico parlando con poesia di carcere e istituzioni, file indiane e pappagalli e di piccoli piccoli paesi.

Se la/le visioni possono essere conoscenza, la proiezione di “Recidiva zero” e il successivo dibattito di lunedì 11 settembre presso la Casa Circondariale di Torino “Lorusso e Cutugno”, hanno dimostrato ancora di più, se mai ce ne fosse bisogno, come la recidiva possa essere diminuita solo attraverso opportunità trattamentali che contemplino formazione e lavoro.

I vincitori e le motivazioni dei premi della sezione Scrittura di LiberAzioni: festival delle Arti fuori e dentro dal carcere.

#sprigionalescritture

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più