Martedì, 11 Ottobre 2016 22:46

Riaffermare i diritti

Vota questo articolo
(1 Vota)

I diritti, averli riconosciuti e poterli agire, sono il legame di queste pagine con l’attualità. Da dentro le percezioni della realtà sono differenti da chi è all’esterno, perchè per chi vive quotidianamente il carcere, provare a fare un’astrazione e uscire dal quotidiano risulta difficile. Come non semplice appare per chi invece “è fuori” avere una visione completa delle “difficoltà trattamentali”, che regolano un Istituto di pena.

Così la speranza è quella di far nascere un dialogo tra dentro e fuori, capace di creare se non “piccoli angoli di Paradiso in Purgatorio”, quantomeno i presupposti per interventi migliorativi dell’attuale situazione detentiva.

Gli esempi e le valutazioni non mancano. Riprendendo l’analisi sui lavori degli Stati Generali dell’Esecuzione Penale approfondire e non lasciare cadere nel dimenticatoio le questioni della tecnologia e della famiglia potrebbero risultare dei concreti campi in cui chi è detenuto non perda anche il diritto all’affettività e quello a rimanere al passo con i tempi.  
Alcune esperienze, come la predisposizione secondo criteri di accoglienza dell’area colloqui della sezione Arcobaleno della Casa Circondariale di Torino sono significative, ma l’analisi che potrete leggere nelle pagine seguenti illustra come si sia lontanissimi dalla gestione dei “colloqui intimi” così come si sta realizzando in Europa.

La speranza è poi quella che in un luogo, spesso dimenticato, non ci si dimentichi di nessuno senza aumentare le barriere, non solo architettoniche, che un detenuto con disabilità può incontrare. Oppure ritrovare la possibilità di sperimentarsi, di  godere di nuove opportunità, la vita può e deve ricominciare, sia nel caso della fruizione di una misura alternativa o grazie ad un semplice incontro al bar. Nella sezione “letture” presentiamo due proposte delle Edizioni Bébert che  ricordano come  autoritarismo e dominio non sono insiti nella natura umana.

Infine alcuni elementi di una lunga storia, fatta, questa sì, con senso d’umanità, si possono trovare nel lavoro pubblicato  dalla Fondazione Michelucci sugli scritti di Alessandro Margara.

DOWNLOAD - Letter@21 N. 2

Per scaricare gratuitamente la rivista, inserisci la tua mail

Termini e condizioni

Letto 6404 volte

+ POPOLARI

  • Che ci faccio io qui? Mamme e bambini nelle carceri italiane +

    Che ci faccio io qui? Mamme e bambini nelle carceri italiane

    Un passeggino che sembra abbandonato all’interno di un sottoscala che

    Leggi tutto
  • Identità burocratiche +

    Identità burocratiche

    Quando si arriva a ottenere il beneficio dei permessi premio,

    Leggi tutto
  • Meno reati più detenuti e in carcere si continua a morire +

    Meno reati più detenuti e in carcere si continua a morire

    I dati relativi alla situazione carceraria dei primi due terzi

    Leggi tutto
  • 1

abbonamento

Salva

Salva

Salva

Letter@21 © Eta Beta S.C.S. - L.go Dora Voghera, 22  - 10153 Torino
Tel. 011.81.00.228 - Fax 011.81.00.250
E-mail: lettera21@etabeta.it

© 2015 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Letter@21 è un supplemento di Magazine Eta Beta
Testata telematica e periodica registrata presso il Tribunale di Torino
n.173/2016 RG n. 4564/2016 - La redazione

Sostieni Letter@21 con una donazione
Puoi donare in modo protetto e sicuro direttamente da questa pagina tramite PayPal.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo Per saperne di più